Monterosa Edizioni

  • Presentato il nuovo libro di Luigi Ranzani "Alla scoperta di alpeggi e formaggi". Nei sedici racconti che invitano alla scoperta degli alpeggi, l’autore ha cercato di dar conto di tutta la ricchezza sociale e umana, simbolica e culturale di coloro che vivono di un antichissimo e solidissimo mestiere. Il libro è anche un contributo alla conoscenza dei metodi di produzione artigianale del formaggio. Un’occasione per conoscere i protagonisti e i prodotti di una montagna viva, bella e sana.

  • Gli alpigiani, protagonisti del libro, raccontano la loro vita: il lavoro che durante la stagione estiva inizia ben prima dell’alba e termina quando è già notte, le tradizioni che stanno scomparendo, gli ostacoli che ogni giorno bisogna superare, la passione per gli animali, per i combats e le reines, le vacche regine dei combattimenti e della produzione lattifera, l’orgoglio per l’arte casearia.

  • Esce in questi giorni nelle librerie, edito da Monterosa Edizioni di Gignese (VB), il volume: L'angelo che scese a piedi dal Monte Rosa di Alberto Paleari.
    L'autore racconta in questo romanzo picaresco e a tratti commovente la vita avventurosa, gli amori e le passioni di un ragazzo walser, nato all'ombra del Monte Rosa, che diventerà col nome di Tanzio da Varallo uno dei maggiori pittori del '600. Il suo "David con la testa di Golia" è ritenuto da Vittorio Sgarbi "il più bel David nella storia della pittura".

  • Questo libro non è soltanto un racconto di avventure alpinistiche, che pure ci sono, ma anche un viaggio nella storia e nelle storie: dalla colonizzazione walser della Val Formazza al rastrellamento dei partigiani in Valgrande del giugno 1944, l’epopea della costruzione delle centrali idroelettriche, la descrizione dei mutamenti naturali notati sulle Alpi in più di cinquant’anni di assidua frequentazione dell’autore, per finire con la storia ben più lontana e forse solo leggendaria di Guglielmo Tell.

  • Esce in questi giorni nelle librerie edito da Monterosa Edizioni, Le montagne e il profumo del mosto, il nuovo libro di Alberto Paleari
    Il suo libro più vero, quello in cui racconta il suo apprendistato alpinistico, la professione di guida alpina, la pericolosa bellezza della montagna, la sua vita "dolce come un grappolo d'uva matura" e quella della sua famiglia che ha posseduto per quattro generazioni un'azienda vinicola.

  • Nella piovosissima estate 2014 Alberto Paleari e Livia Olivelli si sono messi in cammino per i sentieri delle amate montagne ossolane. 
    Sei mesi dopo, esce  “Ossola bella e buona-Sentieri e sapori dal Monte Rosa alla Val Formazza” un libro di due alpinisti scritto a quattro mani per raccontare ciò che hanno visto, chi hanno incontrato, dove e come hanno alloggiato, mangiato e bevuto.

  • Dal Lago Maggiore (195 m) alla cima più alta del Rosa (4634 m) ci sono in linea d’aria quarantasette chilometri in cui si passa dal clima mediterraneo del lago, a quello artico dei quattromila. "Tracce Bianche" descrive 79 itinerari (con 160 fotografie) che si possono fare sia con gli sci che con le ciaspole, sulle montagne di questo vario e vasto territorio comprendente le cime del Verbano, del Cusio e di tutte le valli Ossolane, dall’Anzasca alla Formazza.