Questo sito utilizza i cookies per poter configurare in modo ottimale e migliorare costantemente le sue pagine web.
Continuando ad utilizzare il nostro sito fornite il vostro consenso all'utilizzo dei cookies.

Seminario Università della Montagna

Università della Montagna di EdoloSi terrà il prossimo 8 giugno 2017 alle ore 15:30 presso l'aula magna dell'Università della montagna di Edolo (BS) il seminario "Agro-Ecologia per la gestione della biodiversità: il caso dell’Alta Valtellina" a cura del prof. Mario Pierik- Dottore di ricerca Università degli Studi di Milano.
I prati permanenti rappresentano una risorsa foraggera, naturalistica e paesaggistica di notevole importanza per la ruralità alpina. La loro gestione agronomica è essenziale per la conservazione della biodiversità che li caratterizza, oltre a garantire la produzione foraggera. Nonostante la profonda conoscenza agro-ecologica maturata nei decenni, oggigiorno è indispensabile approfondire le relazioni tra elementi abiotici e biotici, quindi i fattori ecologici e gestionali che caratterizzano i prati ad alta quota, sempre più a rischio di abbandono, da un lato, e di degrado, dall’altro.
In questo seminario verranno proposti i risultati di una ricerca condotta dal dottor Pierik, in cui i prati dell’Alta Valtellina sono stati studiati in termini di composizione floristica, biodiversità e qualità della risorsa foraggera. La ricerca ha permesso di constatare quanto il contesto, ad alta quota, dipenda dalle complesse dinamiche di interazione tra i fattori ecologici ed i fattori gestionali rilevati in azienda.

Università degli Studi di Milano - Polo Universitario di Edolo
Via Morino 8- 25048 Edolo BS
Tel. e Fax 036471324
E-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.valmont.unimi.it - www.gesdimont.unimi.it - www.unimont.unimi.it

 

Associazione Culturale Il Rosa

Calendario Il Rosa 2019
Eccoli tutti gli sport del Monte Rosa nel Calendario 2019 de “Il Rosa”. La grande montagna, è la seconda più alta in Europa e l’unica di dimensioni himalayane, ha una voce: è quella dei silenzi e delle solitudini delle alte quote, ma anche quella degli sforzi sportivi dell’uomo.