Questo sito utilizza i cookies per poter configurare in modo ottimale e migliorare costantemente le sue pagine web.
Continuando ad utilizzare il nostro sito fornite il vostro consenso all'utilizzo dei cookies.

Rifugi - Tradizione Alpina

I Rifugi Alpini sono nati per aiutare i viandanti che in passato attraversavano le Alpi e avevano bisogno di luoghi ove trascorrere la notte e rifugiarsi in caso di condizioni meteorologiche avverse. Negli ultimi decenni con lo sviluppo del turismo di montagna i rifugi sono diventati piccoli alberghi che, pur offrendo in molti casi solo servizi essenziali, ospitano non solo alpinisti ed escursionisti, ma anche turisti desiderosi di consumare un pasto durante una breve gita in montagna o durante una giornata passata sugli sci (Fonte: Wikipedia)
 

Rifugio Guide di Frachey

Rifugio Guide di Frachey - Champoluc (AO)Il Rifugio Guide Frachey fu fondato nella prima metà degli anni '80 dalla Guida Alpina Oliviero Frachey "Cirin" ed è ora gestito dal figlio Gian Andrea Frachey anche lui Guida Alpina. Il Rifugio delle Guide Frachey è situato a Resy (Saint Jacques , Ayas - AO) a 2066 m.s.l. all'inizio del vallone di Bettaforca che collega la val d'Ayas
con la valle di Gressoney.
Il Rifugio dispone di 36 posti letto, con sistemazione in camerate o camerette da due o quattro posti letto. Dispone inoltre di docce con acqua calda, connessione internet e ristorante con cucina tipica. Per informazioni o prenotazioni: Telefono mobile: +39 334 746 3640 oppure via Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 

Rifugio Livio Bianco

Rifugio Livio Bianco , Vallone della Meris, Valdieri (CN)Il rifugio Dante Livio Bianco è posto a quota 1910 m. nell'alto Vallone della Meris, sulla sponda orientale del Lago Sottano della Sella, ai piedi del versante settentrionale del Monte Matto. Il rifugio sostituisce il più antico bivacco "Monte Matto", che sorgeva al Lago Soprano della Sella, andato distrutto in seguito ad un incendio al termine dell'ultimo conflitto.
Di proprietà della sezione C.A.I. di Cuneo, il rifugio è una solida costruzione in pietra a vista con copertura in lamiera. Nell'insieme la costruzione dalle linee semplici ed essenziali ben si armonizza con l'ambiente circostante. Fu costruito nel 1963, a ricordo di Dante Livio Bianco, comandante partigiano e forte alpinista cuneese caduto il 12 luglio 1953 dalla Cima di Saint Robert nel gruppo del Gelas.
Per informazioni e prenotazioni: telefonare al Rifugio +39017197328 inviare una mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure chiamare il gestore Livio Bertaina Cell. + 39 335 54.616.77

Rifugio Bimsee

Rifugio escursionistico Bimsee al lago MorascoLa struttura fa parte di un complesso utilizzato negli anni ’30 per la costruzione della diga di Morasco a Riale in alta Val formazza. Al termine della costruzione i fabbricati venivano utilizzati per la manutenzione della diga stessa. Nei primi anni ’90, il complesso venne comprato dalla Comunità Montana Antigorio Divedro e Formazza, la quale ha ristrutturato l’edificio con l’intento di svilupparlo come centro d’allenamento in alta quota.  Aperto nel luglio del 2009 come rifugio escursionistico privato, il Rifugio Bimsee è punto di partenza per molteplici gite di ogni livello.
E’ gestito da Francesca Valci e Davide Liuzza ed è aperto con servizio di pernottamento e ristoro in alcuni periodi dell’anno.
Dispone di 24 posti letto così suddivisi: 1 camera da 7 posti letto, 1 camera da 9 posti letto, 2 camere da 3 posti letto, 1 camere da 2 posti letto tutte dotate di bagno privato con doccia e biancheria con piumoni. E’ dotato di servoscala per i diversamente abili per l’accesso alle camere.
Per informazioni circa le aperture, i prezzi  e le altre attività : +39 339 5953393

Rifugio Severino Bessone

Rifugio Severino Bessone al Lago VerdeIl Rifugio Severino Bessone al Lago Verde si trova in alta Val Germanasca nel comune di Prali (To) a mt. 2583.
E' di proprietà della sezione Cai Val Germanasca ed è posizionato sopra la conca del Founzèt, sul bordo del laghetto omonimo e ai piedi del Bric Bucìe vicino al Col d'Abries, il valico che unisce la Val Germanasca al Queyras francese. E' raggiungibile a piedi da Bout du Col ,dove si arriva in auto da Prali, in circa 2 ore e 30 minuti per un sentiero ben evidente.
Dispone di 48 posti letto, in nuove camerette da 4 a 7 posti ottimamente arredate e con il pavimento riscaldato da un impianto solare.
In una accogliente sala da pranzo rivestita in caldo legno e riscaldata con stufa a legna è possibile apprezzare una cucina rustica ma genuina ed abbondante

Rifugio Buzzoni

Rifugio Buzzoni - Alpe Mota - Introbio (LC)Il rifugio Buzzoni, di proprietà del CAI di Introbio, sorge a quota 1590 mt nei pressi delll’Alpe Mota, nel comune di Introbio (LC). Il piccolo e accogliente rifugio è situato su un balcone naturale che si affaccia sulla Valsassina e sul massiccio della Grigna Settentrionale e dispone di una camera da 4 posti letto, una da 6 posti letto e un camerone da 15 posti letto; un unico bagno interno e su richiesta in estate possibilità di doccia con acqua calda.
Il rifugio è raggiungibile SOLO a piedi: da INTROBIO (LC) sentiero n.25 in circa 2.30 ore, da Barzio (LC) sentiero n.19 in circa 2.30 ore, da Valtorta località Ceresola (BG) in circa 1 ora  e dai Piani di Bobbio (LC)  sentiero n. 101 in circa 1 ora.
Per info e prenotazioni:  Tel 0341.981175 - 348.5827975

Rifugio Azzoni

Rifugio Azzoni , Vetta del Resegone (Lc)Costruito all'inizio del secolo scorso in vetta al Resegone, il Rifugio Azzoni (1860 mt) offre la possibilità di godersi, durante le giornate terse, una vista a 360° sulle alpi valdostane, piemontesi, svizzere e lombarde, oltre che su tutta la pianura Padana e sugli appennini. La vetta del Resegone è facilmente raggiungibile anche da escursionisti non esperti, soprattutto nella bella stagione, ed essendo aperto tutto l'anno, il rifugio dispone di 50 posti per mangiare e 18 per dormire e permette di godersi appieno la montagna sia in veste estiva che in veste invernale, magari davanti ad un piatto caldo.
Per prenotazioni contattare il gestore Stefano Valsecchi ai numeri 3333144987 - 3662587009

Rifugio Fonteghi

Rifugio Fonteghi, Mezzano (TN)Il Rifugio Fonteghi è situato a 1110 m.s.l.m.nel comune di Mezzano (TN) in località Fonteghi. Tipica località del Primiero, Mezzano è uno dei borghi più belli d'Italia e confina a sud con il Parco delle Dolomiti Bellunesi, mentre a Nord con il Parco Naturale Paneveggio - Pale di San Martino.
Il rifugio Fonteghi è particolarmente conosciuto per la buona cucina e gli ottimi spuntini ed è un ottimo punto di partenza per diverse escursioni, come l'Alta Via delle Dolomiti N.2 delle Leggende e il Giro delle Vette Feltrine.
Per informazioni e prenotazioni: +39.0439.67043 oppure 340 7275026

Rifugio Levi Molinari

Rifugio Levi Molinari-  Grange della valle - Exiles (TO)Il Rifugio Levi-Molinari è un rifugio alpino di categoria C di proprietà del C.A.I. Torino ed è affidato dal 2001 alla gestione di Tiziana Di Martino e Marco Pozzi.
Riaperto appunto nel 2001 dopo una chiusura per ammodernamento dispone di 46 posti letto suddivisi in: quattro stanze da 2 posti, una camerata da 6 posti un camerone da 32 posti. E’ dotato di doccia calda e di servizi ai piani. Apertura continuativa da Maggio a Settembre.
Per informazioni e prenotazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure +39 0122 58241 / +39 339 4269402

Associazione Culturale Il Rosa

L'associazione Culturale gestisce la pubblicazione del periodico "Il Rosa - Giornale di Macugnaga e della valle Anzasca". 
Il giornale non viene venduto, ma inviato ad “abbonati” che hanno versato liberamente una quota di contributo oppure solamente hanno segnalato l’indirizzo. Da oltre cinquant'anni è forse il primo caso di free press sulle Alpi. E’ un giornale indipendente, non frutto di un’iniziativa imprenditoriale, né istituzionale.
Redazione e collaboratori forniscono il proprio impegno a titolo gratuito e volontario, mossi da un’adesione profonda e non effimera ai valori della cultura alpina.