Questo sito utilizza i cookies per poter configurare in modo ottimale e migliorare costantemente le sue pagine web.
Continuando ad utilizzare il nostro sito fornite il vostro consenso all'utilizzo dei cookies.

Storia della Valle Formazza

Storia della Valle FormazzaIl libro, edito da Alessandro Grossi con il patrocinio del Comune di Formazza, rappresenta in quasi 500 pagine elegantemente illustrate con fotografie d’epoca e rare rappresentazioni artistiche, il risultato degli studi che da trentacinque anni, con instancabili scavi negli archivi, l’autore, che ha vissuto a lungo in Formazza, ha dedicato alla storia della sua valle.
Enrico Rizzi, storico delle civiltà alpine, è autore di testi fondamentali sulla storia dei Walser. La valle Formazza, come l’opera sorprendentemente rivela pubblicandone molti aspetti inediti, ha una storia singolare e affascinante, irripetibile in qualsiasi altra valle dell’arco alpino. La sua eccezionale posizione geografica, ai piedi di un ventaglio di passi aperti lungo le vie someggiate dei traffici transalpini, ha fatto della più antica colonia fondata dai Walser nel XII secolo, una “piccola repubblica” sospesa tra Lombardia e Svizzera. Governata per secoli con larghe autonomie, il proprio tribunale e rustiche magistrature “democratiche”, la valle ha coltivato nella storia la sua fiera indipendenza, la sua arcaica lingua germanica, lo stile delle sue case di legno, le sue antiche tradizioni: un ricchissimo patrimonio culturale intatto e un paesaggio naturale che ha nella superba Cascata ha il suo monumento più suggestivo, ammirato nei loro viaggi alpini da naturalisti, poeti e artisti.

Storia della Valle Formazza 
Codice ISBN: 9788889751442
Autore: Enrico Rizzi
Pagine: 480

Associazione Culturale Il Rosa

L'associazione Culturale gestisce la pubblicazione del periodico "Il Rosa - Giornale di Macugnaga e della valle Anzasca". 
Il giornale non viene venduto, ma inviato ad “abbonati” che hanno versato liberamente una quota di contributo oppure solamente hanno segnalato l’indirizzo. Da oltre cinquant'anni è forse il primo caso di free press sulle Alpi. E’ un giornale indipendente, non frutto di un’iniziativa imprenditoriale, né istituzionale.
Redazione e collaboratori forniscono il proprio impegno a titolo gratuito e volontario, mossi da un’adesione profonda e non effimera ai valori della cultura alpina.