Questo sito utilizza i cookies per poter configurare in modo ottimale e migliorare costantemente le sue pagine web.
Continuando ad utilizzare il nostro sito fornite il vostro consenso all'utilizzo dei cookies.

L'Ossola e le sue valli

L'Ossola e le sue valliGiovanni De Maurizi (1875 – 1939), fu coadiutore a Santa Maria Maggiore e parroco a Trontano, Montescheno e Premia. Consultò con puntiglio e acume gli archivi storici, civili e religiosi dei luoghi dove condusse la missione pastorale. Pubblicò numerose opere tra cui la prima edizione di “L’Ossola e le sue valli”.
L’opera, redatta, nel secolo scorso dallo storico e sacerdote nativo di Re, ha visto una recente ristampa edita da Grossi Editore di Domodossola, a cura di Paolo Crosa Lenz e Massimo Gianolo.
L’ edizione aggiornata e la presentazione della stessa che si terrà sabato 2 Aprile a partire dalle ore 17 presso la sede del Parco della val Grande di Malesco (VB), rappresentano un omaggio alla terra ossolana perché, come afferma Crosa Lenz: “La Val d’Ossola è una terra di confine, tra la severità delle Grandi Alpi e la serenità dei laghi prealpini, tra il Monte Rosa e il Lago Maggiore. E’ una terra di confine e di contaminazioni etniche e culturali, incuneata nella Svizzera e permeata di valichi e vie storiche, quasi una cerniera tra Europa e Mediterraneo. La guida descrive in dettaglio i tesori d’arte, i monumenti storici e naturali dei trentotto comuni ossolani (e degli oltre cento villaggi e frazioni); rappresenta una ricchezza enorme che il libro offre a tutti. La prima edizione risale agli anni ’30 e con essa si sono confrontati generazioni di studiosi. Questa edizione, la quarta, completamente riscritta e aggiornata, costituisce un atto d’amore per l’Ossola e un fondamento di identità territoriale”.

Associazione Culturale Il Rosa

L'associazione Culturale gestisce la pubblicazione del periodico "Il Rosa - Giornale di Macugnaga e della valle Anzasca". 
Il giornale non viene venduto, ma inviato ad “abbonati” che hanno versato liberamente una quota di contributo oppure solamente hanno segnalato l’indirizzo. Da oltre cinquant'anni è forse il primo caso di free press sulle Alpi. E’ un giornale indipendente, non frutto di un’iniziativa imprenditoriale, né istituzionale.
Redazione e collaboratori forniscono il proprio impegno a titolo gratuito e volontario, mossi da un’adesione profonda e non effimera ai valori della cultura alpina.