Questo sito utilizza i cookies per poter configurare in modo ottimale e migliorare costantemente le sue pagine web.
Continuando ad utilizzare il nostro sito fornite il vostro consenso all'utilizzo dei cookies.

Dai banchi di scuola ai sentieri di montagna

Dai banchi di scuola ai sentieri di montagnaOtto anni di avventure, di piccole e grandi imprese, di momenti indimenticabili, di intense emozioni. Vissute da Roberto Colombo, un professore di liceo e da un folto gruppo di suoi studenti che, stanchi di sottostare inermi alle decisioni irrazionali di chi ha voce in capitolo nella stanza dei bottoni, hanno cercato altrove – sull’Alta Via dei Monti Liguri piuttosto che in Islanda, in Corsica piuttosto che sul Monte Rosa – un senso da poter attribuire alla propria condizione.
Già: andare in montagna con i propri alunni consente di restituire pregnanza di significato all’etimologia – che tanto sorprende i ragazzi – della parola scuola (dal greco scholé = “tempo libero”).
Un’altra scuola, dunque, tanto più opportuna quanto più quella istituzionale sembra aver da tempo abdicato alla propria responsabilità educativa, così presa.
Gli itinerari sempre aggiornati ed oltre 2000 fotografie sul sito www.studentinquota.it

Roberto G. Colombo, insegnante di Filosofia e Storia, musicista e musicologo, camminatore, per le edizioni Erga ha pubblicato Django oltre il mito - La via non americana al jazz (2007), Ecce squola - Come si dimentica ciò che si era (2008), Il chitarrista di jazz - Charlie Christian e dintorni (2010), Tracce sfumate - Storie di jazz che le storie del jazz non raccontano (2015) e Non imito Django Reinhardt - La distonia focale del musicista: malattia o deragliamento emotivo? (2015).

Tags: Libri

Associazione Culturale Il Rosa

L'associazione Culturale gestisce la pubblicazione del periodico "Il Rosa - Giornale di Macugnaga e della valle Anzasca". 
Il giornale non viene venduto, ma inviato ad “abbonati” che hanno versato liberamente una quota di contributo oppure solamente hanno segnalato l’indirizzo. Da oltre cinquant'anni è forse il primo caso di free press sulle Alpi. E’ un giornale indipendente, non frutto di un’iniziativa imprenditoriale, né istituzionale.
Redazione e collaboratori forniscono il proprio impegno a titolo gratuito e volontario, mossi da un’adesione profonda e non effimera ai valori della cultura alpina.