Questo sito utilizza i cookies per poter configurare in modo ottimale e migliorare costantemente le sue pagine web.
Continuando ad utilizzare il nostro sito fornite il vostro consenso all'utilizzo dei cookies.

Albergo Ristorante della Posta

Albergo della PostaCon il suo centro storico sospeso nel tempo, quella di Fobello (Vc) in Val Mastallone, piccolo paese della “Conca di Smeraldo” nel cuore del Parco Naturale Alta Valsesia, è una storia ricca di fascino: le belle cappelle settecentesche affrescate della Via Crucis, il Museo Lancia, il piccolo museo del “Puncetto” e del costume e l’ Erbario Carestia che ospita una parte dell’erbario raccolto dall’abate Antonio Carestia, uno dei più grandi naturalisti italiani. In questo piccolo paradiso vi accoglie l’Albergo della Posta dalle calde atmosfere famigliari con le sue dieci camere, tutte con servizi, la biblioteca ed il confortevole salone.

L’Albergo è punto di partenza, sia per brevi escursioni alle numerose frazioni, nei boschi di faggi, alla scoperta di varietà botaniche e di animali selvatico; sia per le numerose gite agli alpeggi ed ai rifugi, con uno sguardi al Monte Rosa percorrendo la Via Alpina.
Molte sono le possibilità di pesca nelle limpide acque del torrente Mastallone.In loco sono numerose le occasioni di gustare le ottime specialità gastronomiche.

Albergo Ristorante della Posta
Tel. 0163 55 914
Cel. 342 83 35 565
mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Associazione Culturale Il Rosa

L'associazione Culturale gestisce la pubblicazione del periodico "Il Rosa - Giornale di Macugnaga e della valle Anzasca". 
Il giornale non viene venduto, ma inviato ad “abbonati” che hanno versato liberamente una quota di contributo oppure solamente hanno segnalato l’indirizzo. Da oltre cinquant'anni è forse il primo caso di free press sulle Alpi. E’ un giornale indipendente, non frutto di un’iniziativa imprenditoriale, né istituzionale.
Redazione e collaboratori forniscono il proprio impegno a titolo gratuito e volontario, mossi da un’adesione profonda e non effimera ai valori della cultura alpina.