Piccola pubblicità

Vuoi partecipare alle campagne pubblicitarie del portale Montagna da Vivere ? Rilancia con noi la tua impresa con banner mirati a partire da 50 Euro/anno.
Per informazioni scrivi a: staff@montagnadavivere.it

 

Notizie Flash

La Sbrinz Route

Da Nord a Sud lungo la via percorsa a suo tempo dai Walser per importare ed esportare beni di consumo primario (vino e formaggio) attraverso le Alpi.

Il Centro Termale di Premia (VB) è il primo centro termale nel nord del Piemonte. Situato in Valle Antigorio, sono il risultato di un complesso lavoro di valorizzazione economico e turistico della sorgente naturale di Cadarese , le cui acque sgorgano ad una temperatura di 44° C. Le stabilimento termale sorge su un’area di 26 mila metri quadri di terreno e si estende per oltre 5.000 mq, con impianti termali curativi e piscine a varie temperature.

E’ inserito in un contesto architettonico rispettoso delle bellezze ambientali e realizzato attraverso un’attenta interpretazione delle tipologie edilizie dei luoghi: basamento in pietra locale (serizzo), pareti esterne rivestite in legno, una copertura in lastre di beola e grandi aperture vetrate che inquadrano i punti più suggestivi della vallata.

Terme di Premia Spa
Frazione Cadarese, 46 28866 Premia, (VB)
+39.0324.617210
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Cenni Storici - Fonte: Comune di Premia -

La presenza di una sorgente di acqua calda nel Comune di Premia, è documentata da una bolla di Papa Paolo IV del 1556.
Tale documento, delimitando i confini della costituenda parrocchia di S. Rocco di Premia, ne identificava il confine a sud con il "rivo dell'acqua calda".
Miglior confine non poteva essere individuato, stante la presenza di un inconsueta zona a canneto e del vapori che si sprigionavano durante i periodi più freddi. Gli usi che ne faceva la gente del posto erano diversi: l'abbeverata delle bovine, nel periodo successivo al parto quando è maggiormente temibile l'insorgenza della polmonite, la macerazione della canapa, il lavaggio dei panni ecc.
La caratteristiche dell'acqua era già stata messa in evidenza dal dott. Mosello Rosario in una ricerca apparsa sulla rivista Oscellana del 1989, la quale trattava nello specifico dell'acqua calda del "Rivo di Piedilago" e per la quale erano già state effettuate analisi chimiche a partire dal 1988.
Dal Rivo tuttora fuoriesce acqua ad una temperatura costante di 15° C.