Questo sito utilizza i cookies per poter configurare in modo ottimale e migliorare costantemente le sue pagine web.
Continuando ad utilizzare il nostro sito fornite il vostro consenso all'utilizzo dei cookies.

Azienda Agricola Chindemi

Azienda Agricola ChindemiLa nostra azienda agricola nasce nel 2007, in località Prati d'Agra nel comune di Cannobio (Verbania) a 1000 m di altitudine e raggiungibile in circa un' ora esclusivamente a piedi attraverso una piacevole mulattiera che parte dalla località Cinzago.
Il nostro reddito si basa principalmente sull' allevamento caprino e attraverso il latte prodotto dal nostro bestiame avviene la produzione di formaggio ovvero la caseificazione. 
Il fatto di aver scelto di abitare e avviare un attività produttiva in montagna nasce dall' idea che oggi grazie alla conoscenza della tradizione e al desiderio di innovazione, sia possibile un modello di sviluppo sostenibile e propositivo della montagna.
L' azienda sorge infatti su un alpeggio da circa trentanni abbandonato, e tramite il nostro lavoro, il pascolo caprino, e l'aiuto di tecnici specializzati in aree emarginate di montagna (coop AGER) lo stiamo giorno  per giorno recuperando.
Le nostre capre sono prevalentemente di razza nera verzaschese, razza a forte rischio di estinzione, la loro alimentazione si basa principalmente sul pascolo che viene effettuato guidato e custodito da me che sono il pastore e i miei cani, proprio per migliorare attraverso il loro passaggio la qualità foraggera dei pascoli e di conseguenza la qualità del latte.Il  pascolo avviene per circa 8/10 ore al giorno da aprile a dicembre cercando di sfruttare al meglio le risorse che la montagna offre nei circa 60 ettari da noi gestiti.Nei mesi invernali alle capre viene somministrato principalmente fieno di 2 taglio proveniente da un azienda agricola biologica di Vergiate, perché per il momento è impensabile ad un autonomia foraggera per quei mesi in quanto a causa dell' abbandono ci vorrà ancora qualche anno prima di riuscire a sfalciare i prati, anche se è uno degli obbiettivi da raggiungere. Molta attenzione inoltre è prestata al benessere animale, in quanto gli animali godono di adeguati ripari contro le intemperie, vivono in stabulazione libera ovvero non sono tenuti alla catena, hanno libero accesso all' acqua, e sono monitorati costantemente a livello sanitario dal punto di vista della parassitosi e della sanità generale fisica e della mammella da cui sgorga il rigoglioso latte da metà gennaio a settembre...questo è il periodo di lattazione e produzione del fresco e dello stagionato, quest'ultimo è disponibile anche fino a novembre. le nostre capre non vengono sottoposte a stress ormonali, o fecondazioni artificiali, avvenendo il tutto nella maniera più naturale possibile..

Per quel che riguarda i campi essi vengono concimati esclusivamente con concimi organici, letame, cenere, nei vari periodi dell' anno. Grazie a tutte queste cure nei confronti dei nostri animali, al pascolo e alla passione per il nostro lavoro abbiamo deciso di ottenere i nostri formaggi attraverso il latte crudo ed il nostro lattoinnesto per merito della casara Gaia, mia moglie.

Lavorare a latte crudo vuol dire mantenere inalterate le proprietà chimico fisiche batteriologiche del latte, vuol dire attraverso il latto ed il siero innesto creare in loco, grazie al latte delle nostre migliori capre una flora batterica capace di caratterizzare e rendere unico il nostro formaggio come dimostrano i numerosi apprezzamenti e ricoscimenti ONAF (Organizzazione Nazionale Assaggiatori di Formaggio) ottenuti in questi anni.Vuol dire essere rigorosi sulla sanità dell' animale e sull' igiene in caseificio, effettuare periodicamente analisi sulla qualità e sulla carica batterica del latte, e  vuol dire valorizzare attraverso i suoi sapori, i suoi aromi un territorio che in caso di pastorizzazione sarebbero inevitabilmente persi o irreparabilmente modificati...

Il caseificio, la stalla e la casa in cui abitiamo, funzionano interamente ad energia rinnovabile attraverso un impianto fotovoltaico per l' elettricità e per il riscaldamento dei locali e dell' acqua calda sanitaria. sono posti sul tetto anche dei pannelli solari termici associati ad una cucina ed una caldaia a legna, che fanno funzionare la caldaia in cui viene lavorato il latte attraverso delle serpentine in cui passa l' acqua.Molta cura inoltre è stata dedicata al recupero delle acque pulite sia del raffreddamento del latte e sia di quelle piovane in quanto tutte vengono recuperate  e poste in alcune cisterne che serviranno ad irrigare l' orto ed i campi circostanti...
Il nostro formaggio è disponibile da febbraio a novembre e viene stagionato in cantina naturale ad areazione forzata su assi di larice,dove la temperatura è garantita dalla parete nord del locale interamente in sasso.
I prezzi sono calcolati considerando che in montagna sono molto piu' difficoltosi i trasporti, ed ogni lavoro è piu complicato rispetto ad un posto comodo raggiungibile da ogni mezzo meccanico e comunque sarebbero venduti allo stesso prezzo che effettuiamo ai negozi o ai ristoratori che comprano i nostri prodotti e che li rivendono poi con il loro sovrapprezzo ai loro clienti..
La distribuzione può avvenire a Milano o in un luogo concordato, previo prendere contatti con il debito anticipo per potersi entrambe organizzare.

Naturalmente siete benvenuti in loco presso il centro aziendale,dove assicuriamo una calorosa rurale accoglienza, Vi invitiamo a conoscere la nostra realtà produttiva per toccare con mano tutto ciò che è stato scritto e per capire in prima persona cosa intendiamo per valorizzazione del territorio, e qualità dei Formaggi.

Per informazioni e contatti:

Chindemi Azienda Agricola di Montagna
(+39)333 79 35 640 - (+39)333 67 71 241
www.caprechindemi.it - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Associazione Culturale Il Rosa

Calendario Il Rosa 2019
Eccoli tutti gli sport del Monte Rosa nel Calendario 2019 de “Il Rosa”. La grande montagna, è la seconda più alta in Europa e l’unica di dimensioni himalayane, ha una voce: è quella dei silenzi e delle solitudini delle alte quote, ma anche quella degli sforzi sportivi dell’uomo.