Economia e sviluppo sostenibile del territorio Alpino.

Unisciti al progetto

Valorizzazione delle Terre Alte.

Il nostro intento è quella di offrire alle aziende e alle strutture ricettive che decideranno di aderire, uno spazio web aggiuntivo per promuovere i loro prodotti, segnalare appuntamenti o eventi che le riguardano e favorire lo scambio di informazioni sulle loro attività dando quindi il nostro supporto allo sviluppo di una soluzione di marketing adeguata e contestuale.
Offriamo ai nostri visitatori una vetrina aggiuntiva su queste aziende che, con la qualità del loro lavoro, riescono a mantenere vive le tradizioni e la cultura delle Terre Alte.


E' disponibile nelle librerie il nuovo lavoro di Enrico Camanni "Verso un nuovo mattino - la montagna e il tramonto dell'utopia" pubblicato da Editori Laterza.
All’inizio degli anni Settanta nasce un movimento ribelle. Sono giovani contestatori dai capelli lunghi e dagli abiti irriverenti. Solo che alle piazze preferiscono le montagne e cercano in parete il loro altrove e un diverso rapporto con la vita e con la natura. Li chiamano i ragazzi del Nuovo Mattino e questa è lo loro storia, utopistica e tragica.

 

Nei primi anni Settanta, tra Torino e il Gran Paradiso, le montagne cominciano a popolarsi di personaggi strani, lontani anni luce dalle figure tradizionali dell’alpinismo classico. Questi nuovi arrampicatori disprezzano il mito eroico dello scalatore duro e puro, il rito della vetta a ogni costo, della ‘lotta con l’Alpe’. Nel piccolo mondo dell’alpinismo è una frattura epocale che porta alla nascita di un vero e proprio un movimento ribelle, il Nuovo Mattino, che deriva dal 1968 i riferimenti culturali. Lo guida il torinese Gian Piero Motti, giovane colto e geniale, ottimo scalatore e autore di articoli forti. I contestatori cercano in parete il loro altrove, una verità complementare ma non conflittuale con l’esperienza urbana. Rifiutano i pantaloni alla zuava e li sostituiscono con jeans e maglietta. Aprono vie dai nomi simbolici: Itaca nel soleLungo cammino dei ComanchesLa via della Rivoluzione. Ispirati dal mito dell’arrampicata californiana, trovano splendide pareti di gneiss a pochi minuti dalla strada della Valle dell’Orco e volando di fantasia le chiamano Caporal e Sergent, in risposta al leggendario Capitan della Yosemite Valley. Ma tra gli anni Settanta e Ottanta del Novecento gli eventi mettono brutalmente fine al rinascimento della scalata italiana. Era inevitabile? Perché è successo? Le storie di questo libro raccontano il passaggio dall’utopia del Nuovo Mattino alla materialità delle prestazioni sportive, dall’incertezza del sogno alle sirene del mercato. Disegnano la metafora della società italiana e di quello che siamo oggi. Nell’anniversario del 1968 spiegano la fine di un’epoca e ne abbozzano una nuova, più arrendevole e disincantata.

CIPRA

La Commissione Internazionale per la Protezione delle Alpi è un’organizzazione non governativa, autonoma e senza scopo di lucro che si impegna per la protezione e lo sviluppo sostenibile delle Alpi fin dal 1952.

Approfondisci

Università della Montagna

Il centro Universitario UniMont - Università della Montagna di Edolo(BS) è un innovativo centro di formazione e di ricerca, specializzato nello studio e nell’analisi delle complessità del territorio montano.

Approfondisci

Associazione Culturale Il Rosa

L'Associazione si occupa della redazione del periodico "Il Rosa. Giornale di macugnaga e della Vallle Anzasca".
Da oltre cinquant'anni è forse il primo caso di free press sulle Alpi

Approfondisci

Notizie e appuntamenti dalle Terre Alte


Traccie Bianche

27 10 2013

Dal Lago Maggiore (195 m) alla cima più alta del Rosa (4634 m) ci sono in linea d’aria quarantasette chilometri in cui si passa dal clima mediterraneo del...

L'Ossola e le sue valli

24 03 2016

Giovanni De Maurizi (1875 – 1939), fu coadiutore a Santa Maria Maggiore e parroco a Trontano, Montescheno e Premia. Consultò con puntiglio e acume gli archivi...

Il museo prende vita

21 03 2018

La direzione del museo Alts Walserhüüs Van Zer Burfuggu, in collaborazione con lo Sportello Walser di Macugnaga e l’Associazione Musei dell’Ossola,...

Manifestazioni Zootecniche Valsassinesi 2018

26 09 2018

Al via presso l'area di Prato Buscante nel comune di Barzo (Lc) in Valsassina la 93a edizione della fiera agricola  “Manifestazioni Zootecniche...

L’attraversamento invernale delle Alpi

13 10 2017

Questo libro non è soltanto un racconto di avventure alpinistiche, che pure ci sono, ma anche un viaggio nella storia e nelle storie: dalla colonizzazione...

La via Spluga

06 11 2019

65 km di storia, cultura e natura. Un itinerario di trekking per riscoprire come si viaggiava sulle Alpi nell’antichità. La viaSpluga è un sentiero...

Il Monte Rosa minacciato

14 10 2014

Le associazioni ambientaliste si mobilitano In merito al progetto di collegamento funiviario tra la Val d’Ayas e la Valtournenche attraverso il Vallone...

Walser Häpla Fest 2018

23 08 2018

Un weekend per celebrare la patata tipica di Formazza. Anche quest'anno si rinnova l'appuntamento che celebra la tipica patata Walser di Formazza. L'evento...

Storia della Valsesia

01 03 2013

Oltre che inventore e pittore, Leonardo è stato anche un precursore dell’alpinismo, salendo sul Monte Rosa all’inizio del ‘500. Al riguardo Enrico Rizzi...

Le montagne e il profumo del mosto

24 09 2015

Esce in questi giorni nelle librerie edito da Monterosa Edizioni, Le montagne e il profumo del mosto, il nuovo libro di Alberto PaleariIl suo libro più...

La mobilità intelligente nelle Alpi

14 11 2019

Si è tenuto a Yverdon-les-Bains nel Canton Vaud (CH) il 15° Simposio per la mobilità intelligente e a minor impatto energetico: quest’anno focalizzato sul...

L’Escolo e la rete Paesi e Paesaggi alla Fiera di Sant’Orso

19 12 2014

Quest’anno, grazie agli amici del SAVT e della Regione Autonoma Vallèe d’Aoste alla Fiera di Sant'Orso il 30 e il 31 gennaio 2015 sarà presente l’Escolo...